Accesso civico (FOIA)

Accesso civico (semplice o generalizzato) consente a chiunque di accedere a dati, documenti e informazioni delle pubbliche amministrazioni senza necessità di dimostrare un interesse qualificato. E’  uno strumento che garantisce la trasparenza e il controllo sull’operato della pubblica amministrazione. Le nostre richieste di accesso civico che sono state presentate anche su incarico di alcuni giornalisti ed associazioni, quali CILD, ASGI, ActionAid e Openpolis si sono concentrate su quattro settori strategici che sono stati considerati strategici per la raccolta di informazioni relative alle politiche italiane ed europee in materia di diritto d’asilo e di immigrazione: accesso agli accordi bilaterali siglati tra Italia e paesi terzi non pubblicati; accesso alle informazioni concernenti la destinazione dei fondi italiani ed europei volti anche al controllo dei confini; accesso alle informazioni sui centri di accoglienza e di trattenimento dei cittadini stranieri; accesso ai regolamenti e alle convenzioni sui nuovi meccanismi di confinamento, in particolare navi quarantena. Da queste richieste sono poi scaturiti ricorsi alle autorità giurisdizionali.

 

 

Accesso agli atti e accesso civico alle informazioni (FOIA)

Consiglio di Stato condanna il MAE : illegittimo negare l’accesso ai rapporti di spesa sui fondi italiani in Libia  

05/2020

Il Consiglio di Stato ha affermato il principio di trasparenza sull’utilizzo dei fondi italiani quando questi sono affidati ad OIM o altre organizzazioni internazionali per lo svolgimento di programmi umanitari.
Inoltre, si afferma per la prima volta, che gli atti delle agenzie delle Nazioni Unite, anche quando si tratta dei rapporti finanziari inviati al loro donatore, se questi è il governo italiano, sono sottoposti ai doveri di trasparenza e al controllo esercitabile da parte di tutti i cittadini.
E’ incompatibile con il nostro sistema giuridico una interpretazione che sottragga al giudice la possibilità di verificare la razionalità del diniego opposto dalla pubblica amministrazione, “imponendogli di fatto di arrestarsi alla semplice allegazione della sussistenza dell’interesse da tutelare”.

Il Tar Lazio condanna il MAECI all'accesso all’accordo Italia – Niger.
S
u incarico di CILD e con il supporto di ASGI

11/2018

Con un accesso civico Asgi e Cild hanno chiesto di conoscere il contenuto del trattato Italia Niger sottoscritto dai rispettivi governi il 26 settembre 2017 ma non ratificato dal parlamento italiano e non pubblicato e copia delle lettere del 1 novembre 2017 e del 15 gennaio 2018 mandate dal governo nigerino a quello italiano.

Il Tar del Lazio ha riconosciuto la natura di accordo internazionale ed ordinato la divulgazione e pubblicazione dell’Accordo di cooperazione in materia di difesa tra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica del Niger, fatto a Roma il 26 settembre 2017.

Attività preparatoria all'accesso ai rendiconti delle attività svolte da OIM in Libia. 

Alla luce della genericità delle informazioni a disposizione e quindi della impossibilità di ricostruire con precisione gli obblighi a cui OIM si è impegnato ad adempiere in favore del MAECI, si è provveduto ad effettuare uno specifico accesso civico volto a chiarire sia le specifiche attivitàche sono state richieste o implementate da OIM con il finanziamento, sia le garanzie che OIM ha dato al MAECI per l’implementazione delle attività di cui all’intesa. Tale richiesta appare totalmente in linea con la peculiare situazione sociale e politica esistente in Libia, dove ogni impiego di somma – specialmente se riguardante comunità locali e centri di detenzione – dovrebbe essere sottoposta ad un attento scrutinio e al diritto alla trasparenza e al controllo sull' andamento della pubblica amminsitrazione da parte dei cittadini.

Trasparenza, accesso civico e migrazioni: il 25 maggio 2020 un incontro online

05/2020

Il 25 maggio si è tenuto un video-incontro per discutere e diffondere l’uso dello strumento “Freedom of Information Act” (FOIA) e l’accesso civico generalizzato. La normativa FOIA garantisce a chiunque il diritto di accedere ai dati e ai documenti posseduti dalle pubbliche amministrazioni, se non c’è il pericolo di compromettere altri interessi pubblici o privati rilevanti, indicati dalla legge.

Il FOIA si è rivelato uno strumento utile in diversi ambiti di cui si occupa la nostra associazione e speriamo che questo incontro, che verrà trasmesso in diretta facebook, darà la spinta affinché venga usato con maggior frequenza. 

Link alla diretta https://www.facebook.com/161109749618/videos/190848832080817

L’accesso ai dati amministrativi sui centri di accoglienza è un diritto.
Su incarico di Openpolis

04/2020

Il Tar Lazio ha autorizzato l'accesso alle informazioni (nome dei gestori, indirizzo, tipo di struttura, capienza, procedure di affidamento ecc.) relative ai centri di accoglienza e registrate nella piattaforma SGA del ministero dell'interno. 

Tramite queste informazioni la fondazione Openpolis può produrre studi e approfondimenti di modo da valutare punti di forza e debolezza del sistema di accoglienza.

Fino a questo momento l'unica fonte pubblica è stata la relazione annuale del ministero dell'interno nella quale i dati sono aggregati e impediscono di sviluppare analisi approfondite ed indipendenti sull'argomento.